Facile da mantenere e più economica di una fossa settica, la fitodepurazione è una soluzione di trattamento individuale autonomo ed ecologico delle acque reflue.

Particolarmente adatto per le zone rurali non collegate alla fogna, questo processo di trattamento è semplice da installare, poco costoso e ha anche il vantaggio di essere estetico.

Ideale per una terra destinata a una Tiny House, autocostruita o non 🙂

In questo articolo, spieghiamo come funziona la fitoepurazione e come crearne uno da soli.

COS’È LA FITODEPURAZIONE?

È un processo naturale da parte delle piante per filtrare e ripulire le acque reflue.

Totalmente ecologica e inodore, la fitodepurazione consiste nel purificare le acque reflue grazie ai batteri presenti nelle radici delle piante depuranti (bambù, canne, code di gatto e carici sono le più utilizzate).

COME FUNZIONA?

La natura si prende cura di tutto. Sono i batteri nelle radici delle piante che purificano l’acqua.

Questi batteri sono chiamati aerobici, il che significa che hanno bisogno di ossigeno e non emettono cattivi odori. Trasformano la materia organica in materia minerale, che può poi essere assimilata dalle piante.

In cambio, le piante acquatiche forniranno l’ossigeno necessario per i batteri attraverso le loro radici.

Queste piante si adattano a tutti i tipi di terreno e a diversi periodi dell’anno. Possono sopportare sia periodi umidi, cioè quando la casa è occupata, sia periodi asciutti, quando la casa è vuota.

Un altro vantaggio di questo sistema di trattamento delle acque reflue è che non c’è odore.

Perché? Perché, a differenza di una fossa settica che segue lo stesso principio della fermentazione in un ambiente confinato senza ossigeno e dove la decomposizione incompleta genera gas e fango, la fitodepurazione si basa sullo stesso principio del compostaggio. Così, a contatto con l’aria, la degradazione è completa e produce materia organica (humus e vapore acqueo).

Va notato, tuttavia, che all’inizio dell’installazione del sistema da filtri piantati, la sabbia non sarà invasa dalle canne e può emettere lievi odori. Ma questi scompariranno non appena le canne si saranno diffuse su tutta la superficie del filtro!

Un altro punto interrogativo sul funzionamento di un vivaio: il gelo in inverno. Anche qui, niente paura! Le piante installate sono naturalmente presenti nei corpi idrici e quindi resistenti al gelo. Inoltre, la fornitura costante di acqua al sistema di depurazione delle piante limita la formazione di brina. Infine, se c’è gelo, sarà solo in superficie perché sotto i batteri continueranno a lavorare, a creare energia e quindi calore.

I 3 PASSI DI UNA FITODEPURAZIONE

Le 3 fasi di una fitodepurazione

1. Pre-trattamento

Nel bacino, ciottoli e radici di canne lasceranno macro-particelle sulla superficie dell’acqua. Gli altri elementi saranno trasformati in compost.

2. Elaborazione di composti chimici

Gli impianti di depurazione installati nel bacino aspirano nitrati, fosfati e metalli. Durante questa2a fase, gli inquinanti, che sono principalmente domestici, saranno scomposti.

3. Trattamento biologico dell’acqua

I compost immagazzinati nelle radici delle piante saranno “mangiati” dai batteri e saranno trasformati in materiali minerali di cui le piante si nutriranno.

MANTENIMENTO DI UNA FITODEPURAZIONE

A parte la manutenzione del “giardinaggio” come la falciatura, il diserbo e il taglio delle canne una o due volte all’anno, non c’è niente da fare!

Basta pianificare ogni 10 a 15 anni per rimuovere lo strato superficiale di compost dal rastrello, che può essere utilizzato come fertilizzante per il resto del giardino.

Questo requisito di bassa manutenzione è una delle ragioni per cui il sistema di trattamento dell’acqua con filtro piantato è più economico di una fossa settica.

SERBATOIO SETTICO
Famiglia di 4 o 5 persone
FITODEPURAZIONE
Famiglia di 4 o 5 persone
Tassa di installazione:Circa 6000 euroCirca 4500 euro
Intervista:Pagamento, massimo ogni 4 anni da parte di un professionistaLibero, giardinaggio una o due volte l’anno.
Tempo di installazione:Massimo 20 anni se ben mantenutoCirca 25 anni

Pensate anche a informarvi sull’eco-prestito a tasso zero e sugli altri aiuti che potreste avere installando una fitodepurazione. Informazioni su Ministero della transizione ecologica e solidale .

INSTALLARE IL PROPRIO SISTEMA DI PURIFICAZIONE DELL’ACQUA

L’installazione di un sistema di sanificazione con filtro piantato può ovviamente essere fatta da un professionista, ma i servizi pubblici permettono anche di installarlo da soli, seguendo queste linee guida:

“Il comune (o, in alcuni casi, il comune o la comunità di agglomerato) esamina il suo progetto studiando il dossier fornito dal proprietario, completato da una visita in loco, se necessario. Verifica anche la sua esecuzione sulla base dell’esame preliminare del progetto dell’installazione e durante un sopralluogo effettuato prima del riempimento. Questo esame è effettuato dal Servizio Pubblico per l’igiene non collettiva (SPANC).

Le installazioni non conformi devono essere messe in conformità entro 4 anni in caso di pericolo per la salute o di rischio ambientale provato. Questo periodo si riduce a 1 anno in caso di vendita dell’edificio o della casa.

Il proprietario deve mantenere regolarmente il suo impianto (manutenzione, svuotamento).

Lo SPANC controlla il buon funzionamento e la manutenzione dell’impianto al massimo ogni 10 anni”. Consultate qui i regolamenti sul trattamento delle acque reflue.

Nell’area di installazione, pianificare circa 24m2 di stagni di compensazione delle piante per una famiglia di 4/5 persone. Questo sistema igienico-sanitario naturale sarà costruito secondo i principi del filtraggio verticale e orizzontale:

Filtraggio verticale da parte delle piante :

Le acque reflue saranno convogliate nel primo bacino dove sono piantate solo canne. Infatti, queste piante hanno la specificità di produrre molto ossigeno e quindi permettono lo sviluppo di un massimo di batteri.

Inoltre, il movimento di queste piante leggere impedirà ai rifiuti trasformati in terra di intasare il filtro di ghiaia.
Poi, nell’ultimo bacino, si usano altre piante per un filtraggio più preciso.

Filtraggio orizzontale attraverso la disposizione dei bacini:

All’inizio del sistema di convogliamento, l’acqua di scarico viene filtrata attraverso una griglia che permetterà di recuperare i rifiuti più grandi.

In ogni bacino, ghiaia e sabbia sempre più fine sono collocate per filtrare l’acqua orizzontalmente. Inoltre, viene anche installato uno scarico per evacuare l’acqua.

Laprima piscina è situata più in alto della seconda in modo che l’acqua defluisca naturalmente. Così, il vostro terreno deve avere un dislivello di più di 1 metro per l’installazione della fitodepurazione. In caso contrario, sarà necessario installare una pompa di sollevamento per trasportare l’acqua da una piscina all’altra.

Per maggiori dettagli tecnici sull’installazione di un sistema di fitodepurazione, vi consigliamo di consultare la rivista La Maison Écologique N°115 .

In questo numero, troverete una guida passo dopo passo del dipartimento di ricerca Aquatiris per costruire il vostro sistema di fitodepurazione omologato in grado di trattare sia le acque grigie che quelle nere.
Vuoi sapere di più sulle nostre Tiny Houses? Contatta il team di BIMIFY 🙂.